| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Stop wasting time looking for files and revisions. Connect your Gmail, DriveDropbox, and Slack accounts and in less than 2 minutes, Dokkio will automatically organize all your file attachments. Learn more and claim your free account.

View
 

Linee operative condivise per la gestione del network

Page history last edited by Gianni Marconato 10 years, 9 months ago

 

Linee operative condivise per la gestione de “La scuola che funziona”

varate dopo confronto aperto all’interno della comunità

 

Questo documento in un file

 

 

Dopo alcune settimane di funzionamento del network è stata ravvisata la necessità di stabilire dei principi regolatori per dare efficienza ed efficacia alle attività: per far fronte alla crescita dei membri e delle attività si è avvertita l’esigenza di far chiarezza circa alcuni ambiti e stabilire alcune linee operative.

I principi gestionali ispiratori cui ci siamo informati nell’assumere queste linee operative condivise sono stati:

  • leadership e responsabilità diffusa
  • valorizzazione degli approcci personali allo stare in comunità
  • adesione ad un minino di linee di comportamento condivise per il "vivere in comune"

 

 

Ecco nel dettaglio gli ambiti su cui si è deciso fare maggiore chiarezza, modificando, in alcuni casi i settaggi iniziali degli applicativi.

 

Diritti dei membri del network

“Diritti” nel lessico degli ambienti on-line sono le attività che i membri possono svolgere e possono essere differenziate in relazione ai “ruoli” previsti. Tutti i membri de “La scuola che funziona” possono accedere alle funzionalità dell’applicativo (NING), come attivare discussioni, gruppi, inserire contenuti nel forum o nel wiki; tutto questo senza che sia presente alcuna “moderazione” (valutazione preventiva da parte di terzi) se non per l’attivazione di un “gruppo”. Tuttavia si invitano i membri ad avere un comportamento corretto, non offensivo e rispettoso delle opinioni altrui (per la Netiquette si veda il documento in progress contenuto nel Wiki, al cui sviluppo si invita tutti a partecipare nonché nel documento “vademecum”).

Per quanto riguarda l’attivazione di un gruppo, si legga il paragrafo dedicato qui di seguito.

 

 

Il gruppo e la sua specificità

Ne “La scuola che funziona” i membri possono decidere di creare “Gruppi”.

Il Gruppo è un ambiente di lavoro che può essere aperto all’interno del network per passare dalla trattazione introduttiva di una tematica (il cui luogo di elezione è il Forum nella parte generale dell’applicativo), ad un approfondimento maturo e propositivo. Un Gruppo condivide una mission ben precisa e si propone di raggiungere un obiettivo concreto (produzione di testi, audiovisivi, materiali didattici, etc.).

E’ opportuno, dunque, che il gruppo sia attivato quando:

·          si avverta l'esigenza di sviluppare ulteriormente un tema già presentato e discusso nell'area generale del network;

·          quando tale argomento di discussione ha dimostrato di aver una buona eco e di aver coinvolto un numero significativo di membri;

·          quando si avverte la necessità di passare dalla mera discussione alla “proposta” o alla creazione di un “prodotto”(essendo il Gruppo un ambiente di lavoro, l’adesione ad esso non significa, come in Facebook, adesione ad un principio, bensì l’interesse ad approfondire un tema significativo per la comunità e contribuire attivamente alla realizzazione di un progetto condiviso).

Tutto questo per evitare di inflazionare e, conseguentemente, impoverire il valore del gruppo con tematiche che non abbiano radici nel network e che non abbiano poi seguito nella comunità.

Per tali motivi, l’attivazione di un “gruppo” è sottoposta a moderazione da parte del Gruppo Conduzione Network.

 

 

E’ possibile, in via del tutto eccezionale, attivare un gruppo su un tema particolarmente critico e sentito dalla comunità, anche se ancora non discusso nel Forum.

 

 

Nel caso un membro intenda condividere con gli altri membri un proprio progetto, una iniziativa, una

pubblicazione … , senza associare a questa un’attività (discussione, “prodotto” ..) può utilizzare allo scopo una “pagina” del wiki.

  

Chi crea un gruppo, assume in automatico il ruolo di “amministratore”   e può decidere di estendere, a sua discrezione, tale ruolo ad un altro membro interessato alla gestione. L’amministratore gestisce il gruppo, le sue funzionalità e i suoi settaggi e lavora affinché il gruppo aderisca alla mission condivisa.

 

 

Contribuire alla gestione del network e dei contenuti

“La scuola che funziona” è un network su e per le pratiche di una comunità e come tale si basa sulla collaborazione e la condivisione di conoscenze e sapere. Tutti i membri possono contribuire alla comunità partecipando – sulla base di propri interessi – alle sue attività, ma sarebbe estremamente utile che la comunità potesse contare sulla collaborazione attiva, continuativa, strutturata di un numero (anche limitato) di membri che si facciano carico di quella che possiamo denominare in senso ampio la “gestione” della comunità stessa.

Due sono le “aree” in cui dare questa collaborazione organica: il network (l’“azienda”) ed i “contenuti”(i suoi “prodotti”).

In cosa consiste la collaborazione?

Chi collabora alla gestione del network focalizza il proprio lavoro su tutte quelle attività che fanno si che il network funzioni, sia conosciuto, attragga sempre nuovi membri (promozione); si occupa dei rapporti con i membri e con terzi, fa si che la comunità disponga di strumentazione tecnologica adeguata alle attività che i membri svolgono, che gli ambienti tecnologici (NING, WIKI, altri …) siano aggiornati e performanti (manutenzione, aggiornamento), abbia una sua identità visuale….

Chi collabora alla gestione dei contenuti contribuisce a definire la “linea editoriale” della comunità, propone temi su cui discutere, elabora e fornisce orientamenti ai membri sulle tematiche da privilegiare, organizza la loro trattazione in modo da non avere momenti sovraffollati di proposte ed altri scarsi. Una funzione di gestione dei contenuti che assicura la ricchezza del contributo spontaneo senza rinunciare a dare al network anche una sua identità. Chi si occupa di "contenuti" da questo punto di vista lo fa in modo più sistematico, organico e continuativo di quanto non lo faccia il membro che saltuariamente commenta o apre una discussione. Interviene a quello che si potrebbe definire il livello “meta” dell’attività del network esercitando una funzione di “governo leggero” dei contenuti che assicuri la ricchezza del contributo spontaneo senza rinunciare a dare al network anche una sua identità culturale.

 

 

Scopo ed attività di questi team saranno definiti dai membri dei team stessi utilizzano lo spazio dedicato allo scopo (gruppo).

 

 

Le persone che si occupano della gestione sono, al momento, riuniti in un solo Gruppo, quello di Conduzione Network; qualora dovessero aumentare in numero, si potrà prendere in considerazione la possibilità di una  divisione, al fine di facilitare e specificare gli ambiti.

 

 

Ogni membro può segnalare la propria disponibilità alla collaborazione per entrambe le aree, cliccando nello spazio “Collabora…” posto in alto nella Home e seguendo le indicazioni date.

 

 

Ruolo di amministratore di NING

Questo ruolo abilita l’accesso alle funzionalità di gestione dell’applicativo. Il ruolo viene attribuito a tutte le persone che si rendono disponibili per la gestione del network (vedi sopra).

Per contro, l’attivazione e la gestione di un gruppo, di una discussione, di una specifica attività a livello di “contenuto” non si identifica con la “gestione del network”.

 

 

Regole di gestione per gli amministratori

Dopo aver varato il format di default dell’applicativo, i settaggi “globali” corrispondenti dell’ambiente non potranno venir modificati dal singolo amministratore.

Qualora si rivelassero necessarie delle modifiche, chi avverte l’esigenza la sottopone al gruppo di gestione via forum e dopo adeguata valutazione si definiranno le modifiche da apportare. A livello di “gruppo” ogni “creatore” potrà definire i settaggi che riterrà utili.

Il “messaggio broadcast” (messaggio automatico a tutti i membri) va utilizzato con cautela perchè un uso eccessivo di tale tipo di messaggio potrebbe avere un impatto negativo E’ opportuno un coordinamento per l’utilizzo di questo strumento.

 

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.